Un viaggio nelle marche tra cucina tradizionale e spiagge da favola | Grammo : il magazine di Gnammo

Entra nella più grande community italiana per incontrare amici a tavola!
gnammo.com

Un viaggio nelle marche tra cucina tradizionale e spiagge da favola

Tra spiagge incontaminate e paesaggi mozzafiato, le Marche vantano una gustosissima doppia tradizione culinaria e alcuni tra i migliori vini del mondo. Andiamo alla scoperta delle meraviglie gastronomiche di questa regione.

Le Marche hanno un posto d’eccezione tra le più belle regioni d’Italia: in questa terra ricca di storia troviamo alcune tra le più incantevoli spiagge della penisola, nonché borghi e piazze assolutamente da non perdere. Siamo sempre alla ricerca di qualche leccornia da farvi assaggiare e questa settimana lasciata la Toscana, arriviamo in quella che rappresenta una vera e propria perla per tutti gli appassionati di turismo enogastronomico.

CUCINA DI MARE

La varietà dei territori rispecchia la tradizione culinaria, che unisce la cucina di mare e quella di terra. Per quanto riguarda la cucina di mare, la Riviera del Conero è considerata la patria del brodetto, la famosa zuppa di pesce ottenuta da 13 varietà tra pesci, molluschi e crostacei, e dei moscioli selvatici di Portonovo. Protagonista della tavola è dunque il pesce, cucinato in tanti modi diversi nei ristorantini di Ancona (che vanta uno dei porti pescherecci più importanti d’Italia), Numana, Porto Recanati, Sirolo e Potenza Picena – i comuni marittimi della Riviera.

CUCINA DI TERRA

Non sono da meno piatti di terra come i vincisgrassi, simili alle lasagne ma preparati con rigaglie di pollo, carne trita di bovino, agnello e funghi o lo stoccafisso all’anconetana. Tra i protagonisti della cucina di terra troviamo anche il ciauscolo, un salume tipico dell’entroterra marchigiano che si ottiene dalla pancetta, costata e spalla di maiale condite con sale, pepe, aglio e vino cotto e poi insaccate, dalla consistenza “spalmabile”. Per apprezzarne l’estrema morbidezza l’ideale è stenderlo sulla crescia, una sottile focaccia grigliata, diffusa in tutta la regione.

I VINI DELLE MARCHE

Una gustosissima doppia tradizione culinaria, unita a grandi vini come il Verdicchio e il Conero Rosso. Il primo, dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini arriva al naso con profumi intensi e delicati di fiori, frutta, supportati da lievi contrasti agrumati, risulta essere il vino bianco con più riconoscimenti dalle guide italiane di settore. Il secondo, nasce da vitigni che provengono in modo prevalente da uve Montepulciano e in minor quantità da uve Sangiovese: è caratterizzato dal colore rosso rubino intenso, con sfumature violacee, fortemente fruttato, si abbina perfettamente a piatti di carne, come arrosti e selvaggina.

www.gnammo.com

Parliamone