“Tarta de Santiago”: il dolce del pellegrino | Grammo : il magazine di Gnammo

Entra nella più grande community italiana per incontrare amici a tavola!
gnammo.com

“Tarta de Santiago”: il dolce del pellegrino

L’estate è la stagione perfetta per scampagnate in montagna, relax in riva al mare, week-end alla scoperta di nuove città da visitare. Ma c’è anche chi decide di passare le proprie vacanze da vero “pellegrino”:  zaino in spalla, scarpe da ginnastica e si è pronti per macinare tantissimi kilometri.

Avete capito di cosa stiamo parlando? Ovviamente del “Cammino di Santiago di Compostela“, lungo percorso che i pellegrini, fin dal Medioevo, intraprendevano attraversando parte della Francia, continuando in Spagna fino a raggiungere l’omonimo Santuario.

Quindi noi di Gnammo abbiamo deciso di raccontare (sotto consiglio di una nostra super Cook) la ricetta e la storia della “Tarta de Santiago“, tipica torta della Galizia, dedicata ai pellegrini che intraprendono il cammino.
Questa torta si differenzia dalle altre per due particolarità, riguardanti sapore e riconoscibilità:
- non contiene alcun tipo di farina. La sua consistenza è data da un composto di mandorle tritate;
- nella parte superiore viene decorata con la “Croce di Santiago“, creata grazie a uno stampo e allo zucchero a velo.

Siete pronti ad impugnare la frusta? Allora iniziamo subito e scopriamo questa nuova ricetta, semplice da preparare e buona da gustare!

INGREDIENTI:
- 250 gr. di mandorle tritate
- 250 gr. di zucchero
- 4/5 uova
- 1/2 buccia di limone grattugiata
- 1/2 cucchiaio di cannella
- zucchero a velo per la decorazione

PREPARAZIONE: 
- Inserite lo zucchero e la scorza di limone in una ciotola aggiungendo una alla volta le uova. Frustate bene il tutto fino ad ottenere un composto di colore chiaro.
- Con l’aiuto di una spatola unite alla miscela ottenuta le mandorle tritate e la cannella.
- Versate il composto in una teglia imburrata ed infarinata il composto.
- Cuocete in forno a 180° per circa 3o/40 minuti.
- Lasciate raffreddare la torta e decorate con lo zucchero a velo.

Potete accompagnare questa torta con un cappuccino o, se volete un abbinamento più “strong“, potete scegliere un vino dalle note più dolci.

Adesso siete pronti ad assaporare i sapori della Galizia anche a casa vostra o ad intraprendere questo bellissimo cammino, ripagando i vostri sforzi con una bella fetta di “Tarta de Santiago” una volta raggiunta la meta.
Se invece la vostra idea di vacanza è all’insegna del gusto e cene con gli amici non perdetevi alcune idee per sfruttare al meglio le vostre serate, cliccando QUI.

Parliamone