Indovina chi viene a Cena #2 – L'INTOLLERANTE AL LATTOSIO - Grammo : il magazine di GnammoGrammo : il magazine di Gnammo

Entra nella più grande community italiana per incontrare amici a tavola!
gnammo.com

Indovina chi viene a Cena #2 – L’INTOLLERANTE AL LATTOSIO

Il secondo articolo della rassegna Indovina chi viene a cena, scritta da Nina del blog Fragola e Cannella per Grammo – il magazine di Gnammo. 

 

IDENTIKIT 

> è una persona intollerante allo zucchero presente nel latte (il lattosio);

non riesce a digerire il latte e gli alimenti a base di latte che sono l’unica fonte naturale di lattosio (panna, burro, yogurt, alcuni formaggi, ecc).

 5 Cose da Sapere:

 > il lattosio viene scomposto dalla lattasi, un enzima, in zuccheri più semplici, per essere digerito. Se ciò non accade, comincia a fermentare nell’intestino creando sintomi come crampi e dolori intestinali;

> l’intolleranza al lattosio è molto comune nell’età adulta (solitamente in età prescolare l’attività della lattasi si riduce fino anche a scomparire);

> nella maggior parte dei casi non è necessario eliminare completamente il lattosio. Ogni individuo presenta una personale soglia di tolleranza nella sua assunzione;

>è importante controllare con attenzione le etichette degli alimenti per individuare non soltanto la presenza di lattosio (nel latte e nei suoi principali derivati come panna, ecc.), ma anche di siero di latte. Infatti, sebbene in piccole quantità, il lattosio è presente anche nella ricotta e nelle pere, nelle uova, nelle cipolle e persino in insaccati e in alcuni farmaci;

>l’intolleranza al lattosio non coincide con l’allergia che presuppone un problema con le proteine del latte (caseine).

 4 Cose da Fare (quando viene a cena):

> Prediligere nella preparazione dei piatti latte “delattosato” o latte di capra. Sono indicati anche latti di origine vegetale come il latte di soia, di riso, di avena, ecc. per preparare dolci e creme (assicuratevi che tale sostituzione non alteri il sapore del vostro piatto);

> Scegliere alimenti privi di lattosio o comunque a ridotto contenuto come carne bianca, frutta (arance), verdura (broccoli, cavolo, spinaci), pesce, riso, pasta e legumi (fagioli). Per quanto riguarda i dolci sono perfette le creme di riso, le macedonie, la frutta secca, anche gelati alla frutta (controllando che non contengano tracce di latte);

> Controllare gli ingredienti sulle etichette anche per i cibi più insospettabili come margarina, craker salati, pancarrè, pane morbido, affettati e wurstel, purea di patate istantanea, surgelati, ecc.

E, come al solito… (4) Non lasciarsi prendere dall’ansia!

Meglio scegliere un menù a ridotto contenuto di lattosio ma questa non sarà un gran limitazione. Esistono milioni di ricette, dolci e salate, che non prevedono l’aggiunta del latte (lo strudel, il salame di cioccolato, le frittate, carne e pesce a volontà, ecc.).

Inoltre esistono in commercio alimenti come biscotti, affettati, mozzarelle, prodotti proprio per gli intolleranti al lattosio. Senza parlare di alimenti alternativi come il tofu, formaggio che si ottiene cagliando il latte di soia. Si può usare nei ripieni, per esempio al posto della ricotta, oppure nei panini, nell’insalata o in abbinamento alle verdure.

 

Nina di Fragola e Cannella

Consegneremo a Nina del blog Fragole e Cannella le chiavi di Grammo per qualche ora a settimana per tutta l’estate. Il prossimo appuntamento con l’intollerante alle uova è per Martedì prossimo!

 

IL PRIMO INVITATO: IL CELIACO

IL SECONDO INVITATO: L’INTOLLERANTE AL LATTOSIO

IL TERZO INVITATO: L’INTOLLERANTE ALLE UOVA

IL QUARTO INVITATO: IL VEGETARIANO

IL QUINTO INVITATO: IL VEGANO

copertinaFB

Parliamone