Eventi col botto? Soluzione…PERSONAL BRANDING! | Grammo : il magazine di Gnammo

Entra nella più grande community italiana per incontrare amici a tavola!
gnammo.com

Eventi col botto? Soluzione…PERSONAL BRANDING!

“Un bicchiere di vino con un panino…la felicità?” È vero, il “nostro Albano” ci aveva visto lungo: ottimo cibo, buon vino, un po’ di musica e tanti amici sarebbero la ricetta perfetta per la felicità, o nel nostro caso, per un super evento! Spesso però, nonostante ci impegniamo al massimo, il “SOLD OUT” è solo una lontana illusione e le nostre cene non decollano come vorremmo!

Non preoccupatevi… la soluzione è a portata di mano, o meglio…di click! Ogni giovedì aprite la vostra mail e rimanete sintonizzati con la nuova campagna di Gnammo Lab “EVENTI COL BOTTO? No problem!” , in cui scopriremo insieme alcuni trucchetti che vi aiuteranno ad aumentare la vostra popolarità. Se non lo avete ancora fatto, iscrivetevi alla nostra piattaforma per ricevere tutti i nostri consigli :)

Siamo pronti per dare il via al nostro primo appuntamento che parlerà di…PERSONAL BRANDING! Ne avete già sentito parlare?

Possiamo paragonare il personal branding al retroscena di uno spettacolo (nel nostro caso di una cena) che, nonostante non sia visibile al pubblico, è un tassello fondamentale per la buona riuscita del nostro evento.

Nello specifico, sono delle tecniche adottate per vendere al meglio noi stessi al fine d’ incuriosire il nostro pubblico di riferimento con un’immagine positiva ed accattivante (ma veritiera) per accrescere la nostra popolarità a cui sono collegate le nostre cene di #socialeating.

“Facile a dirsi, difficile a farsi” starete pensando…NO PROBLEM! Insieme andremo a scoprire cinque fasi per creare un buon personal branding. Iniziamo!

a. “ESSERE O NON ESSERE? ESSERE!!

Dare una buona impressione di noi stessi è l’”ABC” del personal branding, a maggior ragione quando ci presentiamo all’interno di un network come Gnammo, dove gli utenti possono farsi una prima idea di noi solo attraverso il profilo on-line. È dunque importante creare un’immagine rassicurante e affidabile per consolidare la nostra reputazione.  IN CHE MODO?

- La prima cosa da fare è vedere se il nostro profilo è aggiornato (sono presenti i dati personali, foto, la biografia, ecc…?) e se abbiamo creato una buona identità visuale (foto profilo e copertina coerenti con la nostra personalità e le nostre passioni).

- Descrivere voi stessi sotto forma di racconto può essere una soluzione vincente per “sponsorizzarvi” (professione, hobby, interessi). Attenzione però! Non raccontate falsità per impressionare gli altri. La sincerità premia sempre, soprattutto perché crea empatia con il pubblico di riferimento e connessione con gli eventi.

b. CHI È IL NOSTRO PUBBLICO?

Per aumentare la credibilità di noi stessi e degli eventi che creiamo, è necessario tener conto di due elementi:

- A CHI STIAMO PARLANDO (qual è il nostro pubblico di riferimento? Sono dei coetanei, più giovani, più anziani?)

- Il TONO DI VOCE da utilizzare. Dopo aver individuato il target, è bene sapere quale linguaggio adottare. Questo elemento è importante anche quando si crea il tema di un evento (se creo una cena di beneficenza, non mi potrò porre con un tono di voce scherzoso).

c. HO BISOGNO DI UN CANALE!

Per mettere in evidenza le nostre attitudini e potenzialità è fondamentale la scelta del canale da utilizzare. Quindi, oltre a farvi conoscere sulla piattaforma, collegate il vostro profilo con altri social che potenzino maggiormente i vostri punti di forza.

- Amate viaggiare e provare nuovi piatti?  Create un blog che racconti le vostre esperienze collegate al food.

- Vi piace documentare le vostre ricette con video divertenti? Aprite un canale YouTube!

- Fate belle presentazioni dei piatti? Usate Instagram per creare il vostro personale rullino fotografico.

d. POCHI MA BUONI

I contenuti pubblicati (post per pubblicizzare un evento, fotografie della cena ecc..) sono il vostro “bigliettino da visita”, quindi la cura per i dettagli è fondamentale. Non è necessario pubblicarne un’infinità, ne bastano pochi ma devono essere alquanto perfetti per essere in linea con il vostro obiettivo: attirare l’attenzione del vostro pubblico (buona struttura, colori accessi per la grafica, contenuto scritto persuasivo).

e. GUARDARE MA NON COPIARE

Arrivati alla fase finale, vi consigliamo di “sbirciare” i profili dei vostri colleghi più esperti per vedere come si propongono e quali sono i loro punti di forza. Attenzione però! Non stiamo parlando di “copia – incolla”, ma di “prendere spunto”. Copiare è una pratica che produrrà effetti inversi a quelli sperati perdendo credibilità e visibilità, quindi…BE ORIGINAL!

Vi ritrovate in quello che abbiamo detto? Se sì, provate a seguire questi consigli e fateci sapere se notate dei miglioramenti in termini di reputazione e affluenza ai vostri eventi. Per ora il sipario di questa prima scena si chiude qui, ma vi aspettiamo il prossimo giovedì con un nuovo argomento e tanti consigli per voi! Di cosa parlerà? Non possiamo ancora svelarvi nulla…ma vi diamo un indizio: la lente d’ingrandimento!

Nel frattempo, che ne dite di mettere in pratica questi primi suggerimenti, pubblicando un nuovo evento?  Per farlo cliccate  QUI :)

Buon week- end a tutti! 

Parliamone