Alessandra: la cuoca nostrana Vegana di Gnammo | Grammo : il magazine di Gnammo

Entra nella più grande community italiana per incontrare amici a tavola!
gnammo.com

Alessandra: la cuoca nostrana Vegana di Gnammo

Per le #GnammoStories oggi c’è Alessandra che ha iniziato la sua esperienza su Gnammo qualche anno fa e da allora non ha più smesso. Siamo andati a chiedergli qualche consiglio utile per chi volesse avvicinarsi al mondo del social eating. Sentite un po’…

Chi sei?
Mi chiamo Alessandra “Alle” Dogali, sono nata a Brescia e ho sempre vissuto a Lodetto di Rovato, una piccola frazione di Rovato nella campagna della Franciacorta…dove vorrei vivere? Esattamente qui, nella grande casa che mio papà ha costruito e che adesso abbiamo appena sistemato, con gli alberi che abbiamo piantato quando ero bambina e tutti i luoghi della mia infanzia.

Fin da piccolo sognavo di essere…
Una ÒStèra, cioè una tipica oste bresciana. Lo scrissi già da ragazzina nel tema a scuola dove descrivevo la mia trattoria.

Ma invece…Cosa fai nella vita o cosa vorresti fare?
Invece sono proprio una ÒStèra di Gnammo!

Il tuo personaggio preferito è…..?
Il mio personaggio preferito è Jamie Oliver, un vero mito per me. Anche se non ha il blasone dell’alta cucina come alcuni cuochi televisivi del momento, ha portato la buona tavola e la cultura del buon cibo nelle famiglie e nelle scuole, con la sua Food Revolution. Insomma, come cerco di fare anche io, avvicina alla cucina le persone invece di allontanarle.

Perchè ti sei iscritta a Gnammo?
Perché nella ristorazione tradizionale, una cuoca vegana e con delle disabilità non aveva né presente, né futuro. Gnammo è il mezzo che mi ha resa indipendente e realizzata!

Cosa ti aspetti da un evento Gnammo?
Nuove conoscenze, divertimento e far andare a casa le persone contente, felici, sazie e con la sensazione di aver passato una serata in famiglia

Come è andato il tuo primo evento? Raccontaci qualche aneddoto in merito ai tuoi eventi di social eating.
Quando feci il primo evento, avevo un’ansia incredibile. Mettersi in gioco non è mai facile ma tutto è andato liscio come l’olio e ricordo quella sensazione a fine serata, quando tutti gli ospiti erano usciti. Sentimmo proprio l’adrenalina scendere e guardandoci capimmo che stava nascendo qualcosa di meraviglioso! In questi due anni e mezzo abbiamo vissuto un sacco di momenti divertenti, uno su tutti ve lo voglio raccontare però. La nostra carissima amica Marina De Mitri, ci portò in dono un barattolo di pestato di peperoncino calabrese, dicendoci: “guardate ragazzi che è molto forte!”. Mio marito, non aveva capito quanto, quindi, a fine serata prende un pezzo di pane, ne prende un cucchiaino e se mangia. L’ ho visto inizialmente impallidire, e cercava di farfugliare: “mmh…buono…fortino dai…” beh, dopo qualche secondo, l’ho visto diventare paonazzo e scappare fuori di casa in preda ad una crisi respiratoria…cercava di bere ma era peggio e latte e formaggi in casa non ne abbiamo essendo vegani! Nel frattempo la gente dentro stava mangiando e lui, più in preda al panico che altro, era fuori che cercava di riprendersi povero amore… beh, dopo qualche minuto rientriamo e guardiamo la confezione… si trattava di Scorpion Moruga…potevamo non dirlo? NO! infatti alcuni temerari lo hanno assaggiato e abbiamo ancora le loro foto messe sul forno a legna…ne è nata poi una simpatica competizione con tanto di maglietta celebrativa.

ll tuo piatto preferito da cucinare è…Perchè?
Il mio piatto preferito è il risotto ai porcini, perché è frutto del raccolto estivo di mio papà ed il risultato di dedizione e ricerca del piatto, perché per avere un risultato ottimo, ogni fase della cottura va curata alla perfezione, anche nei tempi!

Perchè tante altre persone dovrebbero scegliere di unirsi alla nostra golosissima community?
Perché è davvero un esperienza incredibile, sia per chi prepara, sia per chi ne usufruisce. Gnammo ha rivoluzionato il modo di uscire a cena.

3 consigli utili per chi volesse iniziare ma ha ancora qualche dubbio.
- Se non lo fai non puoi sapere se ti piace.
- Cerca di scegliere il posto adatto che ti faccia sentire tranquillo mentre cucino.
- Circondati di amici divertenti e capaci che ti possano aiutare nel farlo.

In cucina non deve mai mancare…e in tavola?
In cucina non deve mai mancare un rito simbolico e propiziatorio da fare ad ogni evento con i tuoi aiutanti. Alla tavola non puoi mancare che tu!

Se non siete mai andati a trovarla e passate dalle parti di Brescia, la deviazione verso la casa di Alle è d’obbligo: http://bit.ly/2kDs4wk

Garantito! :)

Parliamone